ECCO IL NOSTRO SITO WEB

Ecco il nostro sito web

https://parrocchiasantandreape.webnode.it/

Per chi non ricorda questo URL, si può accedere dai motori di ricerca, come Google, digitando :

santandrea diario in rete webnode

_____________________________________________

Venite e vedrete

Dobbiamo confrontarci continuamente, affinchè la nostra parrocchia, sia sempre una casa aperta a tutti ed al servizio di tutti, anche con l'utilizzo delle strade digitali. Per ridare al mondo la gioia di vivere, bisogna inondare la rete di articoli, audiovisivi e filmati d'ispirazione cristiana, come diceva San M. M. Kolbe, ai suoi tempi per la stampa.

L'equipe di ricercatori Rizzolati-Fogassi-Gallese ha scoperto che un tipo particolare di cellule, i neuroni specchio, sono dotate della particolarità di attivarsi sia quando osserviamo un'azione sia quando la compiamo noi stessi. Trovano così spiegazione molti dei nostri comportamenti individuali e sociali; ma ciò comporta anche una trasformazione nel modo di intendere percezione, azione e cognizione, dato che lo studio dei neuroni specchio mostra che le aree del cervello deputate all'agire sono in grado anche di percepire e di conoscere. Il neurone specchio è un neurone specifico che si attiva sia quando si compie un'azione sia quando la si osserva mentre è compiuta da altri, in particolare tra animali della stessa specie. Il neurone dell'osservatore "rispecchia" il comportamento dell'osservato, come se stesse compiendo l'azione egli stesso.

La scienza, quindi, ci dice che tutte le sequenze dei filmati che il cervello dell'uomo ascolta (ossia vede e sente) vengono memorizzate nei neuroni. Allora facciamo di tutto per far vedere a noi stessi ed ai nostri giovani tanti filmati che toccano profondamente il cuore dell'uomo.

"Venite e vedrete". Ciascuno di noi può accedere, non solo dal proprio personal computer, ma anche dal proprio telefonino ad "internet", ossia alla rete dei collegamenti informatici a livello planetario. Per accedere al sito web della nostra parrocchia, per la prima volta, basta digitare nella riga URL barra degli indirizzi (dove appare immagine lucchetto e scritto "Sicuro" :

https://parrocchiasantandreape.webnode.it/

e poi registrare il sito nei "preferiti". Selezionarlo nei preferiti con tasto destro, cliccando "Proprieta", cambiare il nome in "Web-SA),  in modo che tutte le volte successive si possa caricarlo dai siti preferiti, cliccando questo nome.

Al visitatore di Web-SA appare la "home page" con la riga del menù : Home - Blog diario in rete - Documenti e filmati - Catechesi - Sacramenti - Più,

posizionando il mouse su "Più" appare : Preghiere - Eventi e Notizie - Avvisi - Gruppi e attività - Multimedia - Storia - Contatti - Galleria.

Nella "Home page" possiamo consultare :

  • gli orari delle Sante Messe e delle Confessioni nella parrocchia e nella Diocesi di Pescara;

  • le trasmissioni di Radio Speranza;

  • gli avvisi e le informazioni su "Comunichiamo";

  • i filmati per meditare la Parola di Papa Francesco con le relative immagini su Vatican Player;

  • il vangelo del giorno con link all'audiovisivo;

  • il santo del giorno con link a LaChiesa.it;

  • la presentazione del sito Web-SA;

  • gli avvisi dell'ultima ora.

Il nostro sito Web-SA offre a tutti noi un ampio spettro di audiovisivi e filmati, selezionati per incidere profondamente nei nostri cuori di fratelli in Cristo.

Il nostro cuore è predisposto all'ascolto ed alla visione di tutto ciò che ci emoziona e ci "ditta dentro", facendoci vibrare d'amore con tanti audiovisivi :

Concludo con le parole di Padre Marco Ivan Rupnik, tratte da "In ogni curia persone libere da se stesse" :

<<"In qualche modo, non la Curia Romana, ma ogni Curia rischia certamente la tentazione di acquisire un carattere un po' para-statale, para-imperiale, come nel passato. Ed è una tentazione tremenda: perché questo mette nel cuore la funzione, la struttura, l'istituzione, l'individuo 'che è in funzione di...'".

Sarebbe uno "scandalo", ha detto il padre gesuita, "far vedere al mondo che viviamo il Cristianesimo come una realtà individuale": la Chiesa, ha aggiunto, si contraddistingue per "un modo di strutturarsi, di governare, di dirigere, di gestire" che è comunione, che è inclusione. "Dietro una Chiesa brava - ha osservato - non si incamminerà mai nessuno", ma ciò avverrà di fronte a una "Chiesa bella", che dentro i suoi gesti e le sue parole faccia "emergere un altro, il Figlio e, ancor più, il Padre": così l'uomo potrà diventare "luogo della vita, come comunione e misericordia":

"Com'è bello quando senti qualcuno che ha avuto a che fare con qualsiasi Curia e dice: sai, ho trovato delle persone libere, libere da se stesse, che si offrono, disponibili, generose, che aprono. Quante ce ne sono! E bisogna farle emergere".>>

<<Questa è la missione della Chiesa : "Coprire la distanza tra noi e il nostro uomo contemporaneo, ferito come noi, dolente come noi, provato come noi: più saremo provati come tutti gli uomini, più saremo misericordiosi, perché questo è il sacerdozio di Cristo. È stato provato in tutto per essere sacerdote misericordioso. E così coinvolgeremo le persone in un desiderio di vita nuova".

D'altra parte è il Signore "l'unico che può coprire la distanza che separa l'uomo perduto, peccatore, morto, da Dio vivente". L'uomo, da solo, non può farlo: tale capacità di Dio di "raggiungerci" è la stessa identità di Dio "verso di noi e verso la Creazione, cioè la misericordia". Passando in rassegna vari passi biblici, il teologo si è soffermato sul brano di Giovanni in cui Cristo si presenta come la vera vite e il Padre è il vignaiolo: la vita quotidiana diventa "il luogo" dove chi è stato raggiunto dalla misericordia la rivela, proprio "perché vive la vita che è comunione, cioè include l'altro":

"Se passa attraverso di noi questa vita di Dio, l'uomo è capace di portare il frutto che rimane, è capace di avvolgere il suo lavoro nell'amore che rimane in eterno, perché torna al Padre: ciò che l'uomo può rivelare è la sua divina umanità in Cristo".>>

SINTONIZZIAMOCI SUL NOSTRO SITO

CI FA BENE AL CORPO ED ALLO SPIRITO

Padre Carlo Mattei